MENU
ITA
Site Map - Privacy - Credit Nxn
Consorzio VWT - P.Iva 04129060275

Torcello

Home > VENEZIA > Torcello

Fu uno dei più antichi e prosperi insediamenti della laguna, fino al declino conseguente alla predominanza della vicina Venezia e al mutare delle condizioni ambientali. Attualmente l’isola conta appena quindici residenti, ma l’inestimabile patrimonio archeologico che ancora conserva ne fa un luogo turistico molto frequentato.
Campagne archeologiche condotte all’inizio degli anni 1960 hanno dimostrato che a Torcello era presente un insediamento sin dai primi secoli dell’Impero Romano, nello stesso periodo in cui fioriva la vicina citt� di Altino.
L’isola formava, assieme alle vicine Mazzorbo, Burano, Ammiana e Costanziaco, la testa di ponte del commercio veneziano verso il Mar Adriatico e fu così fiorente, da avere migliaia di abitanti. Nell’XI secolo venne riedificata la cattedrale, affiancata dalla nuova chiesa di Santa Fosca, e fino al XIV secolo Torcello costituì il principale centro di lavorazione della lana nel Ducato di Venezia.
La citt� aveva una propria nobilt� ed era retta da due consigli, uno maggiore ed uno minore, affiancanti prima il gastaldo ducale e poi il podest� .
A partire dal XV secolo, però, la vicinanza alla citt� di Venezia, l’aria malsana conseguente all’impaludamento di questa zona della laguna e le continue pestilenze (durissime quelle del Trecento e del Cinquecento), provocarono un progressivo declino dell’isola; tanto che nel 1429 il doge Francesco Foscari era costretto ad ordinare al podest� di Torcello di far cessare la continua razzia di marmi e materiale lapideo, cui erano dediti gli abitanti di Venezia e Murano nella sua citt� . A seguito dell’inarrestabile declino, gli edifici andarono in rovina o furono smantellati per fornire laterizi e materiale da costruzione per lo sviluppo e Nonostante la scomparsa della citt� , la diocesi di Torcello, anche se trasferita a Murano, sopravvisse sino alla soppressione del 1818. Al contempo, la cattedrale diveniva semplice parrocchia, con giurisdizione anche su varie localit� della laguna nord.
Nel 1822, durante una visita pastorale, il patriarca Giovanni Ladislao Pyrker constatò lo stato di estrema decadenza dell’isola, sottoposta all’aria malsana e ad una diffusa povert� , che coinvolgeva anche il clero locale. All’epoca la popolazione era di 80 unit� (“tutti vignaioli”), passata poi, secondo la visita pastorale di Jacopo Monico del 1829, a 120 unit� . Gli abitanti diminuirono progressivamente nel corso del XX secolo (motivo per cui la parrocchia fu soppressa nel 1986) e attualmente vive nell’isola appena una ventina di persone.

PRONTO TAXI 24 h
+39 041 5229040
ACQUISTA SUBITO
BIGLIETTO ONLINE
Facebook
Instagram
Site Map - Privacy - Credit Nxn
Consorzio VWT - P.Iva 04129060275